.
Annunci online

Zadig


Ambiente


23 aprile 2010

Record di inquinamento sull'Everest

La stazione SHARE - NCO-P all’Everest registra un picco, mai rilevato, di concentrazioni di inquinanti simili a quelle delle aree urbane.

Da circa un mese siamo entrati nella stagione pre-monsonica, che favorisce il trasporto fino alle alte quote dell’Himalaya degli inquinanti che compongono la Asian Brown Cloud, la nube marrone che ricopre le pianure indiane e del sud Asia. “I valori di inquinanti osservati nei primi giorni di aprile vanno oltre i già alti livelli raggiunti gli anni scorsi. In questi giorni, il black carbon ha sfiorato i 6 µg m-3 - dice Angela Marinoni ricercatrice dell’ISAC - mentre il PM1 (massa delle polveri fini) ha abbondantemente superato i 100 µg m-3, un valore mai registrato da quando l’osservatorio NCO-P ha iniziato la sua attività di studio e monitoraggio nell’ambito del progetto Atmospheric Brown Clouds di UNEP”.
La presenza di questi inquinanti in atmosfera offusca anche la limpida visione del ghiacciaio del Khumbu, come si vede dalla webcam del NCO-P (http://evk2.isac.cnr.it/realtime.html). “Queste preoccupanti concentrazioni di particolato – prosegue Paolo Cristofanelli responsabile delle attività atmosferiche in SHARE - sono accompagnate da elevati livelli di ozono, un gas serra altamente ossidante che si forma in atmosfera in presenza di inquinanti primari e radiazione solare. Grazie alle condizioni di estrema siccità che caratterizzano la stagione pre-monsonica nel Sud dell’Asia, una delle fonti primarie di queste elevate concentrazioni di inquinanti sembra dovuta ai numerosi fuochiforestali, anche legati a pratiche agricole, che si sviluppano in questo periodo dell’anno nei territori del Nepal e dell’India settentrionale oltre che dell’Indocina.”  Questi dati confermano i preoccupanti risultati emersi nel corso dei primi quattro anni di studio del progetto SHARE che ha registrato in prossimità dei ghiacciai himalayani concentrazioni di inquinanti simili a quelle delle aree urbane.
Ogni anno durante la stagione pre-monsonica, presso la stazione SHARE, NCO-P si registrano i valori più elevati dell’anno, con concentrazioni semi-orarie di black carbon che hanno raggiunto i 5 µg m-3 e con valori di PM1 tra i 50 e i 70 µg m-3, concentrazioni che superano anche le soglie di allarme che la Comunità Europea ha fissato per la qualità dell’aria delle nostre città.
“Le osservazioni effettuate presso la stazione NCO-P sono preoccupanti – afferma Paolo Bonasoni, responsabile scientifico del progetto SHARE - poiché gli inquinanti, attraverso le valli himalayane, che fungono da veri e propri camini, possono essere trasportati fino alla media ed alta troposfera, ove acquistano un tempo di vita considerevolmente maggiore e possono accumularsi per essere trasportati anche su lunghe distanze”. Inoltre, come rivelato da uno studio condotto in collaborazione con il Goddard Space Flight Center della NASA, le stime riguardanti i processi di deposizione di questi inquinanti sui ghiacciai himalayani possono favorire un significativo aumento del loro naturale scioglimento. Questo appare ancor più significativo, considerando che i ghiacciai Himalyani rappresentano una delle principali fonti di acqua dolce dell’Asia meridionale, una delle aree maggiormente popolate del Mondo.
Un “Near Real Time” report di quanto registrato durante il mese di Aprile dalla stazione NCO-P è stato inviato a Veerabhadran Ramanathan, chair del Progetto UNEP-ABC che ha condiviso la preoccupazione per i dati messi in risalto dalle recenti osservazioni svolte nell’ambito del progetto SHARE. Il report a breve sarà consultabile anche sul sito di UNEP-ABC e diffuso tramite la newsletter di UNEP-ABC.

Fonte: Francesca Steffanoni Ufficio Stampa EvK2 CNR
Foto: © EvK2 CNR - ISAC CNR


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. inquinamento cnr everest inquinanti black carbon pm1

permalink | inviato da Zadig il 23/4/2010 alle 23:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia     febbraio        dicembre
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Nani, trote e ballerine
ImmaginAzione
Il Pastore tedesco
Terre senza Pace
Zadig Video
Sinistra e dintorni
Viola d'amore
Recensioni
Sottotraccia
Per non dimenticare
Il Bel Paese
Salario precario
Ambiente

VAI A VEDERE


zadig

Welcome

Avviso ai Naviganti I commenti sono sempre graditi, qualunque sia il loro contenuto, purche' attinente all'argomento del post. Ogni visitatore si assume personalmente la responsabilità di ciò che scrive. Saranno cestinati i commenti anonimi, quelli non pertinenti ed i commenti che contengono ingiurie o spam.

 

Grazie a Ugo Furlan per la Colomba

 

 
 
 

Due post a cui tengo

Blog Friends

 

 

 

 

Zadig non è una testata giornalistica ed il suo aggiornamento non avviene a cadenze regolari. Zadig non è un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Il contenuto dei post può essere riprodotto senza limitazioni per scopi non commerciali, purchè se ne citi la fonte. Nel caso di pubblicazione su altri blog o siti web è gradito un link al post originale. Immagini, filmati e i brani musicali presenti su questo blog (quando non appartengono all'autore) appaiono tramite link agli oggetti originali. Le fonti sono sempre citate. Se il loro uso viola i diritti d'autore siete pregati di comunicarlo e provvederò alla rimozione.

 

CERCA